L’assiolo comune, assiolo  (Otus scops Linnaeus1758) è il più piccolo strigide europeo dopo la civetta nana. Per la sua voce, viene chiamato anche chiù.

Estate, insieme a Paolo ci vediamo e nelle campagne toscane sistemiamo il set nel migliore dei modi senza arrecare disturbo e ci prepariamo per questa sessione.

Le luci erano composta da 2 flash regolati a bassa potenza e la macchina era posizionata in modo strategico nella speranza che il soggetto passasse dove avevamo pensato, la tecnica a cui facevamo affidamento era quella dell’open flash che consiste, almeno nel nostro caso, di lasciare l’otturatore aperto con iso bassi e quando si vede l’animale che passa di far partire il flash in modo tale di illuminarlo. Gli inconvenienti sono molteplici : non si ha controllo sulla posa del soggetto, sulla posizione ne sull’inquadratura, non si hanno riferimenti, si va a fortuna per lo più. Noi eravamo a distanza e comandavamo luci e camera con telecomandi remoti. la sessione è durata un paio di ore non di più ma qualche scatto discreto è stato realizzato … che ne pensi ?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *